Il delta di Venere

Your awesome Tagline

3 note

Vicente Romero Redondo


Nato nel 1956 a Madrid come il maggiore di quattro figli. Grazie al lavoro del padre, è cresciuto in diverse città in tutta la Spagna.La famiglia si trasferì di nuovo a Madrid all’età di 15 anni. Durante la sua infanzia, i suoi genitori pensavano che avrebbe dedicato la sua vita alla pittura, come le sue caricature di compagni di scuola e gli insegnanti erano famosi in ogni scuola dove ha studiato e raramente lo si potrebbe vedere senza una matita e un taccuino in mano. Romero realizza il suo sogno: ha iniziato gli studi presso la Scuola Superiore d’Arte di San Fernando, la scuola d’arte più prestigiosi di Spagna (Salvador Dali studiato lì 1.922-1.926). Durante i suoi primi anni si dedica alla scultura, ma presto si rese conto che solo la pittura poteva esprimere tutta la sensibilità che possedeva e aveva bisogno di trasmettere. Si è laureato con lode speciale nel 1982. Poi ha trascorso diversi anni di lavoro sulla strada, non la più comoda, ma sicuramente il modo più efficace per perfezionare la sua tecnica. Dipinge ritratti a pastello nei villaggi della costa della penisola e le isole di Tenerife, Maiorca e Ibiza. Alla fine degli anni ottanta, Romero e sua moglie si stabilirono in Costa Brava. Fu in questa regione (la città natale di Dalì) che una nuova fase della sua vita artistica iniziata.La luce del Mediterraneo, le sue capacità, la sua passione, il paesaggio meraviglioso, la casa con patio dove ha vissuto e la bellezza dei suoi modelli - tutti questi erano perfette condizioni a cambiare i suoi dipinti, e finalmente riuscì a convertire situazioni intime di vita in il filo conduttore della sua arte. All’inizio degli anni ‘90 Romero quadri sono state esposte in mostre individuali in Spagna, Francia e Portogallo. Nel 2001 si trasferisce a Madrid, ma lui passa il tempo e in Costa Brava con la sua luce incredibile, uno degli aspetti più identificabili del suo lavoro.

Archiviato in Il nudo Il nudo nell'arte Vicente Romero Redondo arte il nudo nella pittura pittori spagnoli

0 note

Fulvio De Marinis

Fulvio De Marinis nasce a Napoli nel 1971, si laurea all’istituto d arte e ha insegnato all’Accademia d Arte in Napoli. De Marinis, un pittore ispirato a dipingere classico, ma i suoi lavori sono estremamente attuali, attraverso la rappresentazione di luoghi, di colori, e di attualita  d’oggi. I suoi caratteri e tuttavia-veri, sono distinguibili nell’uso di ombre di toni e luce delicate, provando la sua qualifica tecnica e la capacita  di esprimere gli umori del carattere rappresentato. Nonostante la sua giovane eta’ , i suoi dipinti sono richiesti dai collezionisti e da gallerie prestigiose di tutto mondo. Dipinti significativi sono esposti nella Galleria Carosone di Postano.

http://www.fulviodemarinis.it/

Archiviato in Fulvio De Marini Il nudo Il nudo nell'arte arte il nudo nella pittura pittori italiani Fulvio De Marinis

0 note

Jacob Collins

 

Jacob Collins è una figura di spicco nella rinascita della pittura classica contemporanea americana.

Nato nel 1964 a New York, Collins ha sviluppato una personale visione artistica molto presto.

L’amore per la pittura e la sua istintiva abilità, hanno trovato un ambiente familiare intriso di classicismo, (il famoso storico e critico d’arte Meyer Schapiro, specializzato in pittura medievale ed Europea era un prozio e la nonna Alma Binion Cahn Schapiro, pittrice) lo hanno spronato e guidato nella scelta dei modelli da imitare.
Già da bambino, con la nonna, aveva cominciato a copiare immagini di maestri quali Vermeer, Velazquez e Rembrandt; il suo percorso culturale passa attraverso la New York Studio School (1983-85), la Columbia College (1986), dove consegue la laurea in storia, la New York Academy of Art perchè ama l’Old Art più della storia (1987-88), a l’École Albert Defois ed a Les Cerqueux Sous Passavant in France (1988-89), perchè è là che sono esposti i quadri dei pittori che preferisce ed a cui si ispira, mentre è iscritto alla New York Academy of Art e alla Art Students League. 


Si può dire che i suoi maestri furono i pittori che hanno opere esposte al Metropolitan, al Louvre, al Prado, nella Galleria degli Uffizi, dove, da studente, copiò le loro opere.

Collins è il fondatore del Water Street Atelier (1991), del Grand Central Academy of Art (2005), nata per offrire ai giovani pittori una formazione decisamente concentrata sul disegno, sulla pittura e sulla scultura, e della nuova “Hudson River School” ispirata alle opere paesaggistiche di pittori come Frederic Edwin Church e Thomas Cole.
Di questa ultima istituzione, che tiene anche corsi serali ed estivi, Jacob Collins dice “Spero che in questa scuola riusciamo a risvegliare l’amore per i vecchio pittori americani, a mettere insieme le scene vigorose, ma sfocate della pittura paesaggistica contemporanea, con la necessità urgente di un rinnovato rispetto per la natura.”

L’artista vive nell’appartamento sotto l’Atelier di Water Street con la moglie e tre figli, ma quello che lo rappresenta di più è proprio l’Atelier dove insegna ad una decina di studenti in un ambiente che riproduce abbastanza fedelmente una bottega di un pittore fiorentino del 1500: calchi umani in gesso, studi anatomici, schizzi di antichi dipinti alle pareti e drappeggi in tessuto.

Anche lo stile che questi studenti imparano è molto legato al rinascimento italiano, almeno per quanto riguarda l’interesse alla anatomia, secondo l’idea che, per dipingere la superficie di un corpo umano, è necessario sapere cosa c’è sotto la pelle.

Da studente Jacob Collins ha molto amato la pittura impressionista ed i paesaggi della scuola dell'Huston River, e i suoi lavori giovanili rispecchiano queste preferenze.

In un secondo tempo, la sua sensibilità artistica, lo ha portato a studiare il paesaggio come anni prima aveva studiato l’anatomia per poter dipingere bene le figure.
Il risultato è questo stile che i critici hanno battezzato Realismo Americano o meglio Neoclassicismo americano,  che riporta il pittore moderno al punto in cui gli impressionisti hanno cominciato a trascurare la figura a vantaggio della luce e del colore.
Dal 1990 Jacob Collins ha tenuto, puntualmente ogni anno, grandi mostre personali, più spesso nella sua città, ma anche a San Francisco, a Houston, a Toronto oltre a partecipare a Collettive in molte prestigiose Gallerie americane.
Dopo l’indigestione di arte moderna americana, lo spirito della pittura, la Musa, ha rifatto capolino su una tela americana e il pubblico lo ha premiato con la sua attenzione.
Jacob Collins ha ricevuto l’incarico di dipingere ritratti di personalità come il J. Paul Getty Jr., George HW Bush, e Chief Justice Warren Burger„  le sue opere sono già nelle collezioni di diversi Musei e di istituzioni americane.
Jacob Collins dipinge con la sicurezza e la bravura di un artista completo, figure, fiori, nature morte, paesaggi, ambienti urbani, interni e ritratti, raffigurando i soggetti dei suoi quadri in pose che rispecchia il rispetto dell’artista per quanto dipinge.

Archiviato in arte Il nudo nell'arte Il nudo il nudo nella pittura pittori Americani Jacob Collins